Personaggi, Storia e cultura irlandese

Brian Boru e la battaglia di Clontarf

1 246

Siccome quest’anno cade il millenario della battaglia di Clontarf e della morte di Brian Boru sara’ lui  ad aprire la nostra galleria di personaggi ed eventi storici.

La storia di Brian Boru ( in gaelico antico: Brian Bóruma mac Cennétig)

si svolge principalmente in quel IX secolo cosi caotico della storia irlandese in cui ai quasi 150 re autoctoni si aggiungevano i domini dei vichinghi ( o Ostmen come loro stessi si chiamavano ) tra cui i piu importanti sono le citta’ di Dublino,Waterford,Wexford e Limerick.

Brian Boru era l’erede dei regnanti di Dál Cais originariamente una delle casate minori del regno di Munster. Suo padre  Cennétig mac Lorcáin mori’ nel 951 dopo essere doventato re di Thormond ed il suo successore e fratello maggiore di Brian,  Mathgamain porto’ le citta’ vichinghe di Limerick e Waterford sotto il suo dominio sicche’ al momento dell’ascesa al trono di Brian nel 976 il suo regno era uno dei piu’ estesi dell’isola.

Immediatamente Brian inizio’ ad espandersi verso est nel regno di Leinster e verso nord nel Connaught e cosi facendo entro’ in contrasto con Máel Sechnaill mac Domnaill  Re Supremo d’Irlanda.

Dopo 15 anni di guerra nell 997 mac Domnaill riconobbe a Brian Boru il dominio sulla meta’ meridionale dell’Irlanda (Leth Moga) ma fu immediatamente spodestato e sostituito da Máel Morda mac Murchada che riprese le ostilita’con l’aiuto di suo cugino Sigtrygg Silkbeard signore della Dublino vichinga. Nella battaglia di Glen Mama del 999 Brian fu’ di nuovo vincitore e decise di essere magnanimo nella vittoria permettendo a Sigtrygg di mantenere il suo controllo su Dublino e rinforzando il legame tra i due dando una delle sue figlie in moglie al signore di Dublino sposando sua madre Gormflaith.

Non soddisfatto del compromesso che lo rendeva signore di mezza Irlanda nel 1000 Brian attacco’ i regni di Meath e Connaught. Degli eventi di questa avventure militare sappiamo poco: le cronache dell’epoca parlano di uno scontro intorno alle Colline di Tara ( il luogo dove erano sepolti gli antichi re irlandesi) ma probabilmente se non inventato lo scontro e’ stato almeno drammatizzato .

L’unica certezza e’ che nel 1002 Brian nella citta’ di Athlone e’ riconosciuto High King d’Irlanda e che a differenza dei suoi precedessori lui avrebbe preso il suo titolo molto seriamente.

Immediatamente e fino al 1005 condusse una campagna contro l’Ulster ,l’unica parte dell’isola a non riconoscere la sua autorita’e successivamente si dedico’ a consolidare il suo potere; il suo contributo piu’ importante fu la riorganizzazione dei monasteri in Irlanda: per motivi che approfondiremo poi la Chiesa in Irlanda era basata intorno ai monasteri e non alle sedi vescovili ed anche tra questi non esisteva nessuna gerarchia. Brian fece invece di Armagh il centro di tutta la vita religiosa d’Irlanda e gli altri monasteri dovettero riconoscere la supremazia di Armagh.

Non sapremo mai quali piani Brian aveva per il suo regno perche’ nel 1012 il re di Leinster Máel Mórda mac Murchada si ribello’ ed insieme ad alcuni nobili dell’Ulster devastarono il regno di Meath.

La risposta di Brian non si fece attendere e nel 1013 le forze ribelli erano state scacciate dal Meath e si erano asserragliate a Dublino dove Brian e suo figlio Murchad dovettero abbandonare l’assedio per mancanza di rifornimenti.

Máel Mórda sapeva di avere poco tempo per riunire un nuovo esercito e non avendo possibilita’ di reclutare truppe in Irlanda invio Sigtrygg ( lo stesso che aveva sposato una figlia di Brian) a reclutare alleati tra i vichinghi dell’isola di Man e di Orkney.

Il 23 Aprile ( Venerdi Santo) 2014 i due eserciti si scontrarono a Clontarf a nord di Dublino; le cronache concordano nel descrivere la battaglia come furiosa e particolarmente sanguinaria e si concluse dopo un’intera giornata di combattimenti con la rotta dell’esercito ribelle ma l’High King Brian Boru non godette di questa vittoria in quanto fu ucciso non si sa se durante la battaglia o a tradimento mentre pregava nella sua tenda.

La morte di Brian e del suo successore Murchad significo’ l’inizio di una crisi dinastica e fece ritornare il titolo di High King a titolo onorifico senza nessun importanza lasciando cosi l’Irlanda divisa ed impotente quando nel XII secolo sara’ il turno dei Normanni a sbarcare come conquistatori.

Per festeggiare i 1000 anni della battaglia nell'Aprile 2014 e' stata messa in scena una ricostruzione dello scontro.

Per festeggiare i 1000 anni della battaglia nell’Aprile 2014 e’ stata messa in scena una ricostruzione dello scontro.

Brian Boru nella cultura irlandese

Oltre ad essere il capostipite del clan Ui Briain poi anglicizzato in O’Brien , Brian Boru fu il primo personaggio della storia irlandese a divenire icona patriottica. Mentre pero’ altri eventi storici verranno riletti in chiave di lotta per la liberazione d’Irlanda nel XIX secolo Brian Boru e’ indicato come liberatore dagli invasori vichinghi nel Cogadh Gaedhil re Gallaibh ( La Guerra degli irlandesi e degli stra-nieri)  del XII secolo un’opera commissionata da un suo discendente e che avra’ molta presa sulla cultura irlandese.

La realta’ e’ pero’ ben diversa in quanto gli invasori vichinghi del XVIII secolo si erano ormai integrati nel tessuto della societa’ irlan- dese e lo stesso Brian si servi’ di soldati vichinghi.

Oggi Brian Boru da’ il nome a centinaia di squadre di sport gaelici in Irlanda e nel resto del mondo e compare in innumerevoli romanzi, fumetti e film e la sua tomba nella Cattedrale di Armagh e’ visitata da migliaia di turisti ogni anno.

 

Copyright © Irlandare 2014

 

 

 

 

 

 

 

About the author / 

Irlandare

Related Posts

Leave a Reply

La parola irlandese della settimana

Tuath

Nell'Irlanda pre normanna rappresentava la forma basiliare dell'organizzazione politica celtica. Si riferiva solitamente sia ad un'area che ai suoi abitanti e di solito si riferiva a regni composti di circa 300 famiglie . Nell'irlandese moderno é passato a significare la campagna in contrapposizione con la cittá ( molto raramente é usato per designare i laici intesi come l'insieme dei fedeli che non fanno parte del clero).