Guida

Irlanda on the road: in the city

0 119

Quale puó essere il primo post per parlare d’Irlanda ai futuri visitatori?

A occhio e croce una persona che naviga in internet e raggiunge questo articolo non ha problemi a comprare un biglietto aereo ( inoltre ha un eccellente gusto in fatto di siti internet) ma anche il turista piú preparato puó trovarsi di fronte ad un ostacolo insormontabile una volta raggiunta l’isola di smeraldo : i trasporti pubblici urbani ed extraurbani in Irlanda sono un abominio.

Noi italiani siamo portati spesso a vedere l’estero come un luogo misterioso dove tutto funziona meglio ma in questo caso fidatevi di me e preparatevi un itinerario in anticipo.

Trasporti urbani

Essendo una repubblica di 4 milioni chiaramente le cittá in media tendono ad essere piccole : Dublino ha mezzo milione di abitanti ,Cork poco piú di centomila e Limerick e Galway sono tra i 70 ed i 90mila ( fatto interessante per gli appassionati di amministrazione pubblica  e solo per loro : le 4 cittá citate sono le uniche definite come cities  e godono di autonomia amministrativa ,ci sono poi 75 towns con un consiglio comunale con poteri limitati ed un’infinitá di villaggi senza nessun autogoverno).

Il fatto peró che in Irlanda non si viva di solito in appartamenti rende queste cittá piú ampie di quanto non sarebbero in altri paesi e la bassa densitá di popolazione rende difficile creare trasporti pubblici efficienti e profittevoli e ció spiega la generale scarsezza dei servizi.

Dando per scontato che arriviate a Dublino cominciamo dal principio a studiare le vostre opzioni per muoversi in cittá :

I piedi

Dublin Marathon 2012

Il centro di Dublino non é enorme e non dovreste avere problemi a girarlo tutto a piedi I marciapiedi non sono spaziosissimi e la folla é tanta ma se non avete un qualche problema che vi impedisce di camminare a lungo questa é l’opzione migliore senza contare che camminare aiuta a smaltire il senso di colpa che avrete dopo aver mangiato una colazione irlandese o ingollato pinte o qualsiasi altra attivitá nemica del vostro fegato.

Bonus:  Ne guadagnate in salute e vedrete tutto quello che la cittá offre in fatto di scorci e  personaggi inusuali.

Malus:  Se non siete abituati a camminare molto la sera sarete lessi e probabilmente zuppi e non tutti i personaggi inusuali sono piacevoli da incontrare.

Il taxi

Sull’estremo opposto questo é il mezzo per chi non vuole trovarsi gomito a gomito con la plebaglia e vuole viaggiare in stile.Naturalmente se avete molti bagagli o non vi siete studiati con cura la mappa il taxi é una buona scelta per muoversi da e per l’aeroporto considerando una media di €30 per andare in centro.  In guardia peró se la vostra destinazione non é in centro perché  i tassisti irlandesi non sono tenuti a conoscere le strade e potrebbero dover fermarsi a chiedere informazioni ( quantomeno non fanno pagare il tempo perso a cercare informazioni).

Bonus:  Al riparo dalle intemperie e dalla folla,in piú viaggiano sulla corsia preferenziale ed alcuni tassisti sono dei personaggi interessanti. Non hanno mai cercato di fregarmi ( ma questo non vuol dire che non succeda).

Malus:  Il prezzo ovviamente, la generale ignoranza delle strade della propria cittá .

L’Autobus

 untitled

Dublin Bus é l’azienda che gestisce gli autobus comunali   che rappresentano spesso l’unico mezzo dicollegamento tra il centro e la periferia. Piú o meno puntuali la reale scocciatura é che a secondadel percorso si paga un prezzo diverso ed il prezzo va pagato esattamente per cui portatevi parecchia moneta. Se non avete il conto esatto potete usare il biglietto per ottenere la differenza:basta andare ad ÓConnell Street agli uffici della Dublin Bus ,fare la fila ed ottenere il rimborso.

Naturalmente se siete disposti a fare questa trafila per 10 centesimi non dovreste girare per l’Europama dovreste girare col cappello in mano in metropolitana mentre il vostro compare suona la fisarmonica ma ognuno usa il suo tempo come vuole. Naturalmente ci sono una serie di tessere create apposta per i turisti con prezzi vantaggiosi ( per l’azienda) che vi risparmiano di girare con isacchi di monete alla Zio Paperone ma se alloggiate in centro non c’é motivo di utilizzare gli autobus.

Se invece alloggiate lontano dal centro e tornate a tarda notte il Nightlink é un’ottima scelta economica e sicura (se non é affollato evitate il piano superiore ).

Bonus: Per raggiungere la maggior parte delle aree periferiche non avrete altra scelta.Viaggia sulla corsia preferenziale.

Malus: Il sistema di pagamento bizantino,attendere sotto la pioggia.

La LUAS

 luas

Il sistema di tram ha iniziato a servire la cittá nel 2004 ed oggi le due linee trasportano piú di 30 milioni . Almeno che non alloggiate lontano dal centro o che non dobbiate andare a Heuston Station non c’é motivo di usare la Luas ma se vi serve sappiate almeno che potete comprare il biglietto alle fermate pagando con qualsiasi metodo  di pagamento vogliate.

Bonus: Rapido e veloce e non dovete portarvi il borsellino

Malus: Probabilmente non dovrete mai visitare i quartieri attraversati dalla Luas ( da un paio dei quali é buona norma stare alla larga la notte :                     Tallaght e Smithfield).

La DART

dart

La linea ferroviaria che collega la costa della contea di Dublino é quanto di meglio possiate trovare a Dublino é rapida, puntuale ,relativamente economica ed ha pure il WIFI gratis. Inoltre a differenza degli altri mezzi la Dart collega Dublino a lughi che vale la pena visitare come Dun Laoghaire o Howth.

Bonus: Connette delle localitá che un visitatore ha interesse ha scoprire,veloce e puntuale.

Malus: Proprio a voler scrivere qualcosa direi di evitare di prendelo alle l’ora di punta.

La bici

imagesCAXKESEJ

Ecologica e salutare come i piedi ma piú rapida la bici permette di spostarsi lá dove i mezzi pubblici o le auto non arrivano in completa sicurezza perché in media gli irlandesi sono civili al volante.

Una delle possibilitá piú comode é costituita da Dublinbikes un self service per l’affitto dove si arriva ad una delle piazzole dove sono parcheggiate le bici si paga un affitto di €5 per 3 giorni e per questo periodo si puó prendere una bici da una qualsiasi piazzola ed utilizzarla quanto si vuole.

Naturalmente uno penserá “sai una cosa cosi in Italia e chi te le ridá le bici” ma caro amico esterofilo sappi che la disonestá non é stata inventata in Italia ( perfezionata forse si) e che per pagare i €5 euro bisogna usare una carta di  credito ed autorizzare un deposito di €150 euro per cui la bici é maglio riportarla.

Bonus: Economica , ecologica e gli automobilisti non tentano attivamente di ucciderti.

Malus: Pedalare sotto la pioggia.

Finita la visita di Dublino siete pronti per visitare il resto di questa meravigliosa isola?

Allora é il momento di passare alla seconda parte  dell’articolo con i consigli su come visitare ogni angolo d’Irlanda

Copyright © Irlandare 2014

About the author / 

Irlandare

Related Posts

Leave a Reply

La parola irlandese della settimana

Tuath

Nell'Irlanda pre normanna rappresentava la forma basiliare dell'organizzazione politica celtica. Si riferiva solitamente sia ad un'area che ai suoi abitanti e di solito si riferiva a regni composti di circa 300 famiglie . Nell'irlandese moderno é passato a significare la campagna in contrapposizione con la cittá ( molto raramente é usato per designare i laici intesi come l'insieme dei fedeli che non fanno parte del clero).