Storia e cultura irlandese

La Rocca di Cashel , il cuore del Munster

1 606

La Rock of Cashel ( in irlandese Carraig Phádraig fortezza di Patrizio ) é uno dei centri del potere reale in Irlanda ed era la capitale dei re del Munster dal V secolo al 1101 quando fú donata alla Chiesa e divenne sede dell’arcivescovado. Dell’antica fortezza non rimane nulla ma fino al XV secolo continuó ad arricchirsi di nuovi edifici ed é uno dei posti migliori per ammirare i differenti stili architettonici succedutisi in Irlanda.

Tra i siti reali dell’Irlanda celtica Cashel é l’unico che nasca cristiano ; non abbiamo testi dell’epoca ma sappiamo che nel Munster comunitá cristiane erano attive prima dell’arrivo di San Patrizio .

La dinastia degli Eóganacht regnava su Cashel e fino al X secolo erano una delle 2 dinastie piú influenti d’Irlanda (l’altra erano gli óNeill nel nord del paese).

Trionfo e caduta degli Eóganacht

Come molte dinastie famose anche gli Eoghan Mór fanno risalire la loro discendenza ad una figura semi mitologica: Eoghan Mór probabilmente un mercenario in servizio nella Britannia romana.

Uno studio delle loro leggende sembra determinare un origine tra i galli dell’attuale Galizia da dove in seguito alla conquista romana vennero scacciati per rifugiarsi in Irlanda e Scozia.

Dal VII secolo la dinastia era ben insediata nel Munster con molti regni minori come tributari e cominciarono ad avere mire sulla corona di High King di tutta l’Irlanda. Quando Cormac Mac Cuilennáin divenne re di Munster nel 902 decise che era giunto il momento di passare all’azione e mosse all’attacco di Flann Sinna re di Tara con risultati disastrosi (fu ucciso nella battaglia di Belach Mugna nel 908).

Questa sconfitta indebolí gli Eóganacht ed il loro regno fú conquistato da Brian Boru nel 978 che procedette a fortificare la rocca. La dinastia non si riprese piú anche se rimase in controllo del regno di Desmond e successivamente della baronia di Carbery che mantennero fino al 1653 quando Oliver Cromwell li privó dei loro possedimenti per punirli della loro partecipazione alla ribellione del 1641.

Cashel come centro ecclesiastico

Il piú grande evento nella storia di Cashel avvenne nel 1101 quando Muircheartach Ui Briain re di Cashel convocó un sinodo dove donó la rocca alla Chiesa riuscendo in un colpo solo a diventare un paladino della Fede ed a privare i suoi rivali Eóganacht della loro fortezza principale. Con l’arrivo di Enrico II nel 1171 Cashel fu scelto come sede di un sinodo ( Cashel con Armagh era una delle 2 sedi arcivescovili d’Irlanda). Con il passare dei secoli e con l’ingrandirsi dei suoi possedimenti la rocca di arricchí di nuovi edifici e neanche la Riforma scalfí la posizione di Cashel tanto che il vescovo cattolico Edmund Butler fu lasciato in carica e la regina Mary nominó il successore con il beneplacito papale.

La riforma protestante e la decadenza di Cashel

Nel 1571 la regina Elizabeth I nominó un arcivescovo anglicano in concorrenza con quello nomiato da Roma e garantí al suo uomo il controllo di tutte le terre e rendite di Cashel lasciando l’arcivescovo cattolico senza i mezzi per condurre il suo ufficio.

L’uomo scelto dalla regina come arcivescovo era Miler Magrath un uomo famoso per la sua morale flessibile e la sua aviditá

Cashel sopravvisse all’amministrazione corrotta di Magrath e passó intatta attraverso la ribellione dei Desmond e la Guerra dei Nove Anni (1594-1603) ma nel 1647 durante la Guerra Civile inglese

(in Irlanda la Guerra della Confederazione) venne saccheggiata dalle truppe fedeli al parlamento guidate da Murrough óBrien che non risparmiarono i civili che si erano rifugiati sulla rocca e,da buoni puritani, distrussero tutti gli oggetti sacri che erano sopravvissuti alla riforma anglicana .

Nel 1649 Cromwell usó Cashel come quartier generale causando ulteriori danni tanto che nonostante alcuni restauri nel 1750 la sede vescovile fu spostata nella chiesa di San Giovanni nella cittá di Cashel.

Nel 1874 l’appena creato Office of Public Work dichiaró Cashel monumento nazionale ed inizió a restaurare la rocca che venne poi aperta al pubblico.

Esplorando la rocca

669521285-round-tower-rock-of-cashel-castle-ruins-cathedral

La rocca sorge nel mezzo di quella che é conosciuta come la Golden Vale per la ricchezza della terra , per spiegare la presenza della collina ci soni due leggende che si collegano alla vicina montagna conosciuta come Devil’s Bit,Boccone del Diavolo ( montagna per gli standard irlandesi in realtá é alta meno di 500 metri).

Una delle leggende narra che il diavolo addentó la collina ma si ruppe un dente ed il pezzo caduto divenne la rocca di Cashel; un’altra leggenda vuole che, dopo essere stato bandito in una grotta da San Patrizio , Satana lanció un pezzo di collina con l’intento di uccidere il santo ma mancandolo e creando cosi la Rocca.

Una volta salita raggiunta l’entrata si passerá attraverso quelli che erano gli appartamenti dei membri del coro della Cattedrale che formavano una gilda con di terre e benefici per il loro mantenimento. Al momento a parte l’ingresso con biglietteria gli appartamenti sono usati al piano superiore come sala audivisiva e con una ricostruzione del salone nel XVI secolo mentre quella che era la cantina é usata come museo per preservare alcuni opere d’arte dagli elementi ( come l’originale della Croce di San Patrizio). Nell’angolo nord occidentale si trova un esemplare di Sheela Na Gig .

Il Cortile

20150531_123648

 

010_St.-Patricks-Cross.high

 

 

 

 

Appena usciti dalla biglietteria ci si trova di fronte alla copia della croce di San Patrizio; un esemplare molto inusuale non essendo una croce celtica ma una normale croce latina con due supporti laterali per sostenere il braccio orizzontale. La croce risale al XII secolo ed é decorata da un lato con una scena della crocefissione e dall’altro con un personaggio che rappresenta sicuramente un vescovo. La base é decorata con una certa varietá: dalle figure geometriche agli uccelli e sul lato nord il minotauro ed il labirinto . Originariamente si pensava che la base fosse una roccia sacra utilizzata per l’incoronazione dei re ma studi recenti hanno dimostrato che l’intera croce risale al XII secolo. La leggenda vuole che la croce abbia poteri curativi verso il mal di denti e che aiuti a trovare marito o moglie se si riesce a cingerla completamente con le braccia.

I resti che si trovano vicino alla croce appartengono alla residenza del vescovo e crollarono durante una tempesta nel 1848.

Il resto del cortile é stato usato fino a tempi recenti come cimitero e l’unico elemento particolare é il mausoleo del XIX che domina il lato nord occidentale del cortile : era originariamente sormontato da una croce ma un fulmine la distrusse ed é rimasto solo il braccio verticale.

La Torre Rotonda

20150531_125027

L’edificio piú antico di Cashel la torre risale approssimativamente al tardo XI secolo. Non sembrano esserci dubbi che la torre fungeva da torre campanaria e che originariamente aveva diversi piani ed erano illuminati dalle piccole finestre aperte lungo la superficie della torre.

Come era comune l’ingresso era qualche metro sopra il livello del suolo e poteva essere raggiunto solo tramite una scala.

IMAG1118

 

 

 

La Cappella Cormac

(al momento la Cappella Cormac é in restauro per questo non ci sono foto dell’esterno)

Uno splendido esempio di romanico irlandese fu consacrata da Cormac Mac Cartaigh nel 1134.

Costruita per celebrare il ritorno al potere degli Eóganacht dopo 150 anni é uno dei piú sofisticati esempi di romanico irlandese tuttora in esistenza.

É un edificio a croce latina irregolare a cui si accede dal lato meridionale ( l’entrata principale é stata chiusa con la costruzione della cattedrale. La cappella ha un secondo piano a cui si accede da una scala a chiocciola nella torre meridionale ed una cappella minore al piano terra della torre settentrionale.

IMAG1086

L’abside della Cappella Cormac

20150531_132113

Particolare delle teste rappresentanti i diversi popoli della Terra

All’ingresso dell’abside troviamo un arco decorato da diverse teste umane forse a rappresentare tutti i popoli della Terra conosciuti nel XII secolo. Nell’abside troviamo ancora tracce di pittura murale e sul soffitto a volta sono dipinte scene della vita di Gesú mentre sulla parete meridionale rimane visibile il battesimo. Purtroppo nonostante i continui restauri buona parte degli affreschi sono persi per sempre ma studiando i colori e stato possibile determinare che molti degli ingredienti usati provengono dal Levante confermando che per la decorazione della cappella sono state usate somme molto ingenti .Un’altra importante scoperta sono i resti di una preesistente chiesa in legno risalente al IX secolo che attesta come nell’area sorgesse una chiesa prima ancora che la rocca divenisse un bene ecclesiastico. Il re Cormac é stato seppellito nel sarcofago sulla parete occidentale della cappella ( molti studiosi ritengono invece che lí sia stato seppellito suo fratello e predecessore re Tadhg).

 

La cattedrale

Costruita nel corso dei decenni dal 1230 al 1290 la cattedrale di Cashel é stata costruita per essere incastrata tra le preesistenti strutture della torre rotonda e la cappella Cormac.

20150531_124420

é un edificio ad una sola navata con una torre costruita all’incrocio tra transetto e navata a cui nel XV secolo fu aggiunta una torre ad uso residenziale sul lato occidentale ( spostando cosi l’ingresso al lato meridionale e settentrionale ). Una volta entrati dall’ingresso meridionale ( quello settentrionale é stato chiuso) si nota subito la particolaritá dell’edificio : la navata é piúcorta del coro ed ad oggi non sappiamo se sia stata una scelta dei costruttori od un effetto della costruzione della torre occidentale. Una nicchia sul muro settentrionale contiene una placca con lo stemma della famiglia mercantile Sall ed il loro “logo”. Nella crociera sostenuta da un soffitto a volte sorge la torre campanaria danneggiata nel 1647 quando i soldati fedeli al parlamento rubarono le campane e restaurata ne XIX secolo.Il transetto é illuminato alle due estremitá da grandi trifore ed é attraversato da un passaggio sopraelevato che nella parte nord connette la cattedrale con la torre rotonda . Entrambi i bracci del transetto ospitano due cappelle ( quelle del braccio meridionale sono piú piccole per la vicinanza della Cappella Cormac) ed alcuni sarcofaghi di importanti figure locali.

20150531_125853

Il transetto nord

Nel braccio nord rimangono ancora tracce di affreschi di cui ancora visibile é una scena della Passione di Cristo e che rende plausibile l’idea che almeno il transetto fosse completamente affrescato.Il coro é la parte piú lunga della Cattedrale ( particolarmente strano perché il coro contava solo 12 elementi) ed é illuminato da una serie di lancette su ambo i lati . Sul pavimento si trovano alcune tombe del XVI secolo appartenenti alle famiglie piú importanti della zona mentre sulla parete meridionale troviamo la piscina ( un piccolo lavandino per lavare il calice usato durante l’Eucarestia) i resti della sedia vescovile e la tomba del famigerato Miler Magrath.

1412344804295

IMAG1100

20150531_130808

L’abbazia di Hore

1412344798606

 

 

A pochi minuti di cammino dalla Rocca sorge l’abbazia di Hore ; fondata nel 1272 e conosciuta come l’abbazia grigia ( An Mainstir Liath ) per via del colore del saio indossato dai monaci cistercensi.La chiesa dell’abbazia é una replica piú piccola della cattedrale sulla rocca .

Nel XV secolo la chiesa fu modificata e parte della navata fu adibita ad alloggi riflettendo una comunitá piú piccola che non poteva permettersi di mantenere tutte le strutture dell’abbazia. Quando nel 1541 l’abbazia fu chiusa rimanevano silamente l’abate e quattro monaci.

IMAG1134

Come arrivarci

Cashel sorge a ridosso dell’autostrada Dublino Cork ed é facilissima da raggiungere in auto , inoltre Buseireann ed alcune compagnie private fermano a Cashel. Da Dublino sono circa 2 ore e una partendo da Cork; da Galway bisogna raggiungere Limerick prroseguire per Tipperary e proseguire fino a Cashel ( totale 3 ore scarse).

About the author / 

Irlandare

Related Posts

Leave a Reply

La parola irlandese della settimana

Tuath

Nell'Irlanda pre normanna rappresentava la forma basiliare dell'organizzazione politica celtica. Si riferiva solitamente sia ad un'area che ai suoi abitanti e di solito si riferiva a regni composti di circa 300 famiglie . Nell'irlandese moderno é passato a significare la campagna in contrapposizione con la cittá ( molto raramente é usato per designare i laici intesi come l'insieme dei fedeli che non fanno parte del clero).